Titolo
2.39 Secondo la Scuola di Palo Alto la risposta dell'insegnante 'Vai pure ma sto spiegando un concetto importante' alla richiesta dell'alunno di poter andare in bagno è un esempio...
Visualizza
2.56 Secondo il modello della probabilità di elaborazione ELM di Petty e Cacioppo (discusso in Cavazza, 2013), il percorso periferico di elaborazione di un messaggio persuasivo si basa su:
Visualizza
2.23 La teoria dell'organizzazione scientifica del lavoro è di (G. Bonazzi, 2006):
Visualizza
2.40 Secondo Pietroni (2013), la comunicazione retorica persuasiva promuove una certa idea sulla base di:
Visualizza
2.57 Secondo il modello della probabilità di elaborazione ELM di Petty e Cacioppo (discusso in Cavazza, 2013), il percorso centrale di elaborazione di un messaggio viene attivato quando:
Visualizza
2.24 La teoria della direzione amministrativa è di (G. Bonazzi, 2006):
Visualizza
2.41 Secondo Pietroni (2013), sollecitare attivamente l'emergere dei conflitti di tipo cognitivo nelle organizzazioni:
Visualizza
2.58 Secondo il modello della probabilità di elaborazione ELM di Petty e Cacioppo (discusso in Cavazza, 2013), il percorso periferico di elaborazione di un messaggio viene attivato quando:
Visualizza
2.7 Il Project Management Institute, nella Guida al Project Management Body of Knowledge (2013), individua i seguenti gruppi di processi del Project Management:
Visualizza
2.25 In Economia e Società (1995) Max Weber sostiene che la burocrazia è un tipo particolare di struttura amministrativa che si sviluppa in commissione con l'esercizio de:
Visualizza
2.42 Quali delle seguenti strategie comunicative non stimola, secondo Pietroni (2013), un approccio produttivo ai conflitti di tipo cognitivo nelle organizzazioni:
Visualizza
2.59 Il modello della probabilità di elaborazione ELM di Petty e Cacioppo (discusso in Cavazza, 2013) è stato proposto per spiegare:
Visualizza
2.8 Il comma 1 dell'articolo 6 del D.P.R. 80/2013 prevede come quarta fase del procedimento di valutazione:
Visualizza
2.26 Tra le funzioni della comunicazione, quella di metacomunicazione (Watzlawick et al, 1971) riguarda:
Visualizza
2.43 Secondo Lotto e Rumiati (2013), nelle organizzazioni i ruoli formali sono definiti:
Visualizza
2.9 Un dirigente scolastico deve presentare al Collegio dei docenti un grafico del progetto di alternanza scuola lavoro di istituto, definendo per ciascuna attività il calendario articolato in...
Visualizza
2.27 A proposito degli stili comunicativi di leadership (Rumiati, 2013) è stato osservato che i migliori risultati per l'attività di gruppo sono ottenuti da una leadership orientata al compito,...
Visualizza
2.44 Come viene definita la necessità del partecipante di dare il proprio contributo alla conversazione al momento opportuno coerentemente con le richieste della situazione comunicativa (Grice, 1975...
Visualizza
2.10 Joyce L. Epstein (1996) ha elaborato un modello di coinvolgimento dei genitori nelle attività scolastiche, basato su alcune tipologie di attività che la scuola deve mettere in atto. Quale, fra...
Visualizza
2.28 Uno degli assiomi della comunicazione proposto dalla Scuola di Palo Alto afferma che ogni atto comunicativo contiene:
Visualizza
2.45 Quale fra le seguenti non è una massima conversazionale (Grice, 1975, trad. it, 1993)?
Visualizza
2.46 Secondo l'analisi di Cavazza (2013), la credibilità della fonte di un messaggio persuasivo dipende:
Visualizza
2.11 Chi introduce il concetto di Management by objectives?
Visualizza
2.29 Quale tipologia di conflitto (Pietroni e Rumiati, 2004) può trasformare il conflitto in una opportunità di sviluppo per le parti coinvolte?
Visualizza
2.47 Gli effetti della alta credibilità della fonte sull'accettazione dei contenuti possono scomparire con il tempo (Cavazza, 2013). Ciò è dovuto:
Visualizza
2.12 Secondo il sociologo tedesco Niklas Luhmann (Teoria dei sistemi sociali, 1984) la comunicazione comprende tre tipi di attività. Quali sono?
Visualizza
2.30 La coesione di gruppo (Rumiati, 2013) aumenta :
Visualizza
2.48 Secondo Cavazza (2013), la credibilità della fonte nella comunicazione persuasiva deriva, oltre che dalla competenza attribuita, dalla percezione di:
Visualizza
2.13 Habermas considera l'agire comunicativo nei termini dell' interazione:
Visualizza
2.31 Secondo Pietroni (2013) uno degli atti comunicativi più efficaci nella negoziazione è:
Visualizza
2.49 Secondo Cavazza (2013), una fonte credibile provoca più probabilmente un cambiamento di atteggiamento nei termini di:
Visualizza
2.16 Secondo la definizione data da Henry Mintzberg ne 'La progettazione dell'Organizzazione Aziendale' (1985), un'organizzazione può essere definita come il complesso delle...
Visualizza
2.32 Quale tra le seguenti definizioni (Lotto e Rumiati, 2013) non è corretta:
Visualizza
2.50 Uno stile comunicativo comportamentale che includa un breve contatto fisico esercitato dalla fonte sul ricevente (Cavazza, 2013) induce nell'individuo toccato:
Visualizza
2.17 Ne 'La progettazione dell'Organizzazione Aziendale' (1985), Henry Mintzberg identifica i seguenti cinque meccanismi di coordinamento:
Visualizza
2.33 Il paradigma della comunicazione organizzativa assume che una gestione ottimale della comunicazione preveda quattro fasi. Quale fra le seguenti NON è una delle fasi indicate dagli studiosi (e.g...
Visualizza
2.51 Nei messaggi persuasivi l'appello alla paura non sempre induce gli effetti comportamentali desiderati (Cavazza, 2013) in quanto:
Visualizza
2.18 Ne 'La progettazione dell'Organizzazione Aziendale' (1985), Henry Mintzberg definisce la standardizzazione delle capacità dei lavoratori come meccanismo di coordinamento che...
Visualizza
2.34 Secondo Invernizzi (2002) le attività attraverso le quali si articola la professione di addetto alle relazioni pubbliche sono:
Visualizza
2.1 I conflitti emotivi (Pietroni e Rumiati, 2004)
Visualizza
2.2 Il test sociometrico di Moreno può essere utilmente utilizzato dall'insegnante per:
Visualizza
2.3 Secondo Gross e Guerrero (2000; vedi Pietroni 2013) la strategia negoziale denominata 'contesa' è caratterizzata dalla combinazioni dei seguenti fattori motivazionali:
Visualizza
2.4 Secondo Gross e Guerrero (2000, vedi Pietroni 2013) la strategia negoziale denominata 'inazione' o 'evitamento' è caratterizzata da:
Visualizza
2.5 Lo stile comunicativo della strategia negoziale denominata 'integrata' (Gross e Guerrero, 2000, vedi Pietroni 2013) è caratterizzato da:
Visualizza
2.6 Secondo la Guida al Project Management Body of Knowledge (2013) del Project Management Institute, un progetto è definito come:
Visualizza